Notizie e risultati

30 aprile 2017

Vito Buono è 2º alla GF DEL DURELLO

Epilogo agrodolce per il biker lucano che a 10km dall’arrivo si ritrova solo al comando ma ad un soffio dal traguardo si vede scavalcare a causa della rottura della tacchetta della scarpa. Grande prova per Michele Cappelli che chiude a ridosso della top ten mentre è positivo il rientro alle gare per Omar Lombardi.

San Giovanni Ilarione (VR) – Deve ancora attendere Vito Buono per poter festeggiare la prima vittoria stagionale. Anche quest’oggi si deve accontentare del secondo gradino del podio che arriva dopo un epilogo di gara ricco di colpi di scena.

Sul tracciato di 44km della GF del Durello il portacolori del Team NOB Selle Italia si trova subito in testa alla corsa in compagnia del campione russo Medvedev. Sulle lunghe rampe iniziali i due creano alle loro spalle un divario che pare sempre più incolmabile per gli avversari che si mettono all’inseguimento dei due fuggitivi in gruppi molto allungati.

Al GPM di giornata, posto tra le località di Roncari e Martelletti, dopo circa 20km di gara, Vito Buono transita però in seconda posizione distanziato di circa 30” dal russo. Dietro di loro si forma un unico gruppo d’inseguitori composto da 5 atleti che però hanno già oltre il minuto di ritardo. A questo punto della gara transita in ottima posizione a ridosso dei primi dieci il giovane Michele Cappelli che, seppur non proprio avvezzo alle gare in linea, dimostra di avere una buona forma atletica. Leggermente più attardato, ma comunque tra i migliori la davanti, anche Omar Lombardi oggi al rientro ufficiale alle corse dopo la lunga pausa forzata.

La corsa si decide tutta negli ultimi 15km nel lungo tratto in discesa, intervallata di continui cambi di pendenza, che conduce al traguardo. Medvedev è attardato da un guasto meccanico e Vito Buono si fa trovare subito pronto a scavalcarlo per lanciarsi solitario verso l’arrivo. Ma a circa 5km da quella che sarebbe stata la prima vittoria stagionale, il lucano deve fare i conti con la rottura della tacchetta della scarpa che lo attarda notevolmente non riuscendo a tenere il piede sul pedale.

Da dietro rimonta Ferraro che questi sentieri li conosce molto bene. Raggiunge Vito e riesce subito a prendere un esiguo vantaggio. Lo stesso con cui poi chiuderanno al traguardo di San Giovanni Ilarione. Michele Cappelli chiude in 12ª mentre Omar Lombardi nelle prime 20 posizioni.

Anche oggi non si festeggia come avrei voluto – commenta Vito dopo l’arrivo – Medvedev avrebbe meritato la vittoria perché ha dimostrato in salita di avere una marcia in più. Io a quel punto ho controllato la posizione per evitare inconvenienti e soprese, che però non si sono fatte attendere. Vedendo Alexey in difficoltà ho iniziato a pensare che fosse arrivato il mio turno ed invece la tacchetta della scarpa mi ha tradito sul più bello. Da dietro Damiano è rientrato forte, lui queste discese le fa ad occhi chiusi, e per me non c’è stato più nulla da fare.”

Ordine d’arrivo GF del Durello:
1. Damiano Ferraro – Team Trek Selle San Marco 1:51:46
2. Vito Buono – Team Nob Selle Italia +27”
3. Diego Alfonso Arias Cuervo – Team Giant +55”
4. Pietro Sarai – Polimedical FRM +56”
5. Alexey Medvedev – Team Trek Selle San Marco +1:18
6. Giacomo Antonello – Silmax X-Bionic +2:05
7. Stefano Dal Grande – Bottecchia FT +2:36
8. Daniele Ratto – Team Todesco +4:20
9. Vittorio Oliva – Carbonhubo Infotre +6:00
10. Dimitrii Medvedev – Torpado Südtirol +6:00

cappelli vito

Gare e risultati